Glitter vs. Hello Kitty: le mestruazioni in Italia

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 6 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Oggi, mentre navigavo, mi sono imbattuta in un articolo americano che parlava di una nuova linea di pensata per le giovanissime: sono più piccoli, con la confezione glitterata piena di disegnini, e con stelline e cuoricini anche sull’assorbente. Mi sono subito venuti in mente i famigerati di che si trovano in qualche negozio italiano, poi ho pensato: non è mica una cosa brutta!

Noi che siamo abituate alle coppette mestruali colorate e glitterate, agli lavabili disponibili in ogni tessuto e fantasia esistenti sul creato, di certo non ci possiamo lamentare, anzi! Ma per la maggioranza delle donne… l’assorbente è bianco, noioso, e per le ragazzine è una tragedia.

Mi ricordo benissimo quando andavo alle medie e mi venivano le , mi vergognavo tantissimo e facevo di tutto per nascondere la cosa. Ecco, magari se avessi avuto qualcosa di più carino, di meno “effetto ospedale”, chissà. Penso a mia cugina, povera, che ha avuto il menarca a 9 anni. E non c’erano neanche gli ultra con le ali.

 

Penso che se ci fosse un po’ più di assortimento, come c’è per i cerotti, magari si potrebbero vivere meglio le , anche da giovanissime, e di conseguenza si sarebbe meno portate a vergognarsi e più ad informarsi, e magari… si scoprirebbero prima le alternative più ecologiche, che ne pensate?

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.