Archivi tag: salvaslip

Assorbenti lavabili Eco Femme: spacchettamento!

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 5 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Ciao a tutti, stamattina ho ricevuto il campione di prova degli assorbenti lavabili Eco Femme, che attendevo con impazienza perchè mi sono letteralmente innamorata del loro progetto quando ne ho sentito parlare per la prima volta.

Gli Eco Femme sono infatti prodotti dalle cooperative femminili dei villaggi rurali dell’India, aiutate dall’organizzazione Auroville Village Action Group (AVAG): questo consente loro non solo una certa indipendenza, ma grazie ai proventi delle vendite  vengono finanziati programmi educativi in quelle zone dove il ciclo mestruale è ancora un argomento tabù ed è causa di gravi limitazioni alla vita delle donne. Non solo: nelle zone rurali dell’India gli assorbenti usa e getta sono un prodotto relativamente nuovo, e spesso non ci sono i mezzi per smaltirli correttamente (ma in realtà sappiamo che una maniera “corretta” non esiste, dato che bruciati in discarica producono diossina!), creando notevolo inquinamento. Le donne indiane hanno usato assorbenti di stoffa per millenni, e diffonderne una versione moderna e pratica anzichè promuovere gli usa e getta è sicuramente la soluzione migliore!

Passando alle cose futili, mi sono subito piaciuti i colori vivaci degli Eco Femme, e quando sono arrivati stamattina ho visto che dal vivo sono ancora più belli :D. I salvaslip sono in 100% cotone e senza strati impermabili: sono piccolini e sottilissimi, perciò sono perfetti per tutti i giorni. Gli assorbenti da giorno e da notte invece hanno lo strato in PUL per un’ulteriore protezione, e sia la parte a contatto  con la pelle sia gli strati assorbenti sono sempre in 100% cotone. Si tratta tra l’altro di un tessuto morbidissimo e davvero piacevole a contatto con la pelle.

Nel set era compresa anche una pratica e discreta bustina in PUL blu scuro per contenere gli assorbenti usati: può contenere due assorbenti da giorno, e si chiude con il risvolto e due bottoni a pressione, perciò le nostre borsette sono al sicuro da odori e macchie 😀

Ho deciso quindi di ordinare gli Eco Femme per il mio negozio, Adora: visti i tempi stretti non saranno probabilmente disponibili all’apertura, ma arriveranno più avanti, ovviamente avrò cura di tenervi informati 🙂 Per oggi è tutto, al prossimo aggiornamento! 🙂

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.

Assorbenti lavabili TreTopini: recensione

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 5 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Avevo già comprato tempo fa i salvaslip e la mini wet bag dei TreTopini, ma ora che ho preso anche un assorbente finalmente è tempo di scrivere una recensione come si deve, perchè la meritano!

La mia collezione ora comprende un assorbente in velour di cotone, uno mini in tessuto tecnico e due salvaslip in 100% cotone, tutti in questo caso realizzati con la fantasia o il lato colorato che va verso lo slip e quello bianco a contatto con la pelle.

Da un punto di vista puramente estetico, io di solito preferisco il contrario, sia perchè con le fantasie si vedono meno eventuali aloni, sia perchè le trovo molto più allegre e divertenti: questa però è solo una mia preferenza personale, mentre il bianco è più adatto alle donne con la pelle molto delicata, con problemi ginecologici, o che semplicemente preferiscono di tanto in tanto un lavaggio più energico.

Gli assorbenti TreTopini sono fatti a mano da Barbara, una mamma italiana, e vengono realizzati al momento dell’ordine: si vede proprio che sono fatti con cura, anche se il design è molto semplice, e questo sicuramente è un punto a favore.

Proprio questa è una delle cose che mi ha più colpita quando li ho indossati: nonostante non siano anatomici ma semplicemente rettangolari, questi assorbenti sono così morbidi che si adattano perfettamente al corpo e non si sentono assolutamente!

Come potete vedere dalle foto, i salvaslip sono piccoli e sottilissimi, e tra tutti quelli che ho indubbiamente sono quelli più indicati per un uso quotidiano: se cercate qualcosa da mettere semplicemente per proteggere gli slip, oppure da abbinare alla coppetta mestruale o all’assorbente interno, questi fanno per voi.

Non si sentono, non fanno spessore e possono tranquillamente essere messi direttamente a lavare insieme alle mutandine, inoltre chiusi sono talmente piccoli che si possono portare con sè per cambiarsi anche semplicemente infilandoli nella taschina piccola dei jeans.

L’assorbente piccolo in tessuto tecnico è lungo come i salvaslip, ma un po’ più spesso e con il rivestimento impermeabile in PUL: questo è più adatto agli ultimi giorni del ciclo in cui si ha bisogno di più protezione. Il tessuto tecnico microsuede lascia la pelle più asciutta rispetto al cotone, ovviamente anche in questo caso sta anche alle preferenze personali (alcune donne non amano i tessuti sintetici) se scegliere questi o quelli in velour, dato che entrambi i tipi sono disponibili in diverse misure.

Dopo averlo provato, ho constatato che effettivamente la sensazione di asciutto è maggiore, ma preferisco tessuti più morbidi.

L’assorbente normale in velour di cotone è stata una vera sorpresa: è morbido e soffice come una nuvola, pur non essendo spessissimo, e come ho già detto pur essendo rettangolare si adatta perfettamente al corpo.

E’ diventato immediatamente uno dei miei preferiti, perchè amo gli assorbenti soffici, e questo a contatto con la pelle è come una carezza: il velour di cotone mi sembra ancora più morbido e delicato di quello di bambù di altre marche e l’assorbenza è ottima anche se ho scelto una delle dimensioni più piccole (quella, per intenderci, di un normale assorbente da giorno usa e getta), il che conferma la teoria che i lavabili sono molto più assorbenti di quelli tradizionali e quindi sono adattissimi anche a chi ha un flusso abbondante.

Con mia sorpresa, poi, nonostante fossero bianchi, quando è stata ora di lavare gli assorbenti non ho incontrato difficoltà particolari, e mi è bastato come al solito sciacquarli in acqua fredda prima di infilarli in lavatrice a 40° col resto del bucato: non sono rimaste nè macchie nè aloni.

Insomma, non bisogna lasciarsi ingannare dall’aspetto semplice, questi assorbenti non solo funzionano egregiamente, ma sono anche comodi. 🙂

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.

Organyc: spacchettamento

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 6 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Buongiorno ragazze! Ho ricevuto da qualche settimana i nuovi assorbenti biologici Organyc, ma non ho ancora avuto modo di provarli: intanto, però, ho pensato di pubblicare qualche foto.

Si tratta di assorbenti in 100% cotone biologico, e nella scatola di prova erano incluse una confezione di assorbenti da giorno da 10 pezzi, una di salvaslip ripiegati da 24 pezzi ed una di salviettine intime da 20 pezzi. C’è scritto che sono biodegradabili, ma non trovo indicata la percentuale (forse lo staff di Organyc potrà risponderci? ecco la risposta di Organyc), ed anche questi come i Vivicot Bio sono sottili proprio come i comuni assorbenti “ultra” della grande distribuzione.

Una cosa che ho notato di tutti i salvaslip in cotone bio (non solo gli Organyc quindi) è che hanno l’adesivo soltanto in mezzo e non su tutto il retro com’è per quelli della grande distribuzione, e sicuramente è un punto che si potrebbe migliorare; gli Organyc utilizzano questo metodo anche per gli assorbenti, il cui retro quindi a differenza dei Vivicot non è completamente adesivo: appena li proverò vi saprò dire se questo comporta un problema di stabilità o meno! (Update: ecco la risposta di Organyc in merito a questo punto)

Qualcuna di voi li utilizza? Intanto, ringrazio la Organyc per l’invio del campione!

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.

Assorbenti lavabili: come farli da sole

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 6 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Come promesso, in questo post radunerò alcuni dei migliori tutorial per fabbricarsi da sole assorbenti e salvaslip lavabili di tutti i tipi: AIO, con inserti, con o senza strato impermeabile e così via. Questo vi permetterà di risparmiare, ma anche di divertivi se avete un po’ di tempo libero!

[box type=”info”]Attenzione: tutti i contenuti di seguito riportati sono di proprietà dei rispettivi autori[/box]

[dropcap]I[/dropcap]l primo tutorial che vi presento è quello di Barbara di TreTopini, che, nonostante venda gli assorbenti lavabili, ha pubblicato un’ottima spiegazione passo passo per crearli secondo il suo modello, bravissima! Ecco il suo tutorial: “Come confezionare passo passo un assorbente lavabile Purtroppo pare che il blog sia stato oscurato dall’autrice perchè hanno rubato i suoi pezzi 🙁 Complimenti ai malfattori! -.-

[divider_flat]

[dropcap]I[/dropcap]l secondo tutorial è quello di Vera, che spiega anche come fare gli assorbenti con gli inserti (quindi con “tasche” dove inserire ulteriore stoffa per aumentare l’assorbenza in caso di bisogno): in questo caso non ci sono le foto passo passo, ma la spiegazione è lunga e dettagliata, quindi risulta piuttosto chiara. Ecco il suo tutorial: “Assorbenti ecologici – biodegradabili e di stoffa

[divider_flat]

[dropcap]I[/dropcap]l terzo tutorial che vi presento è in lingua inglese, scritto da Pauline, e propone anche un pattern da scaricare e stampare. Se non conoscete bene la lingua, potete aiutarvi con Google Traduttore, ma le foto ed il pattern sono comunque abbastanza chiari anche per le non anglofone! Inoltre, questi assorbenti sono del tipo “fold and snap”, cioè si possono ripiegare come un comune assorbente. Ecco il suo tutorial: “Pauline’s Free Cloth Menstrual Pad Pattern

[divider_flat]

[dropcap]D[/dropcap]a Natural Suburbia, sempre in lingua inglese, arriva invece un tutorial con fotografie passo passo per realizzare assorbenti lavabili “a livelli” e con canali guida per il flusso, un po’ più complicati da realizzare, ma belli e dall’aspetto molto comodo. Eccolo qui: “Cloth Pad Tutorial

[divider_flat]

[dropcap]A[/dropcap]dahy propone invece tutorial  per realizzare sia salvaslip che assorbenti “all in one” , ma anche modelli simili ai Lunapanties e di forma circolare. Anche in questo caso sono in lingua inglese, e trovate i vari modelli sul suo sito nel menu sulla destra. Eccoli: “Aday Cloth Pads Patterns

[divider_flat]

[dropcap]I[/dropcap]nfine, l’ultimo tutorial, di Jan Andrea,  presenta un pattern ideato per non sprecare spazio nella stoffa, davvero ingegnoso! Anche questo è in inglese, però può essere usato come ispirazione. Eccolo: “Instructions for Cloth Menstrual Pads (a la Reverend Jan)

[divider_flat]

Per concludere, ecco un video che spiega molto chiaramente tutti i passaggi, sempre in inglese, che può darvi visivamente un’idea di come procedere:

 

Spero che questo post vi sia stato utile, fatemi sapere se vi cimentate nell’impresa!

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.

Party in my Pants: prime foto

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato più di 6 anni fa: nel frattempo sono nate moltissime nuove coppette e sono state scoperte tante nuove informazioni, perciò questo contenuto potrebbe essere obsoleto!

Finalmente mi è arrivato il pacchettino con il salvaslip di prova della Party in my Pants! A differenza dei Domino Pads, la dimensione di questo pantyliner è davvero paragonabile a quella degli usa e getta: è piccolo e sottilissimo, infatti sono curiosa di provarlo!

 

About Lara Alexandra Babitcheff

Sono una donna di 35 anni, vegan da nove, appassionata di Internet, nuove tecnologie ed ecologia. Amo leggere e viaggiare, soprattutto volare nella mia amata Londra. Dal 2003 sono mamma di Cassandra e dal 2015 sono una referente Rosso Limone.